C’è un’oscura minaccia che grava sulla democrazia italiana, una setta di uomini in nero e rosso che mina le basi della repubblica e della libertà. Questi uomini hanno il potere di decidere delle vite delle persone, dispongono dell’appoggio delle più alte cariche dello stato, sono i padroni della legge, il loro braccio sono le stesse forze dell’ordine. Sobillano in silenzio, ammantati da toghe di ermellino, riveriti da stuoli di avvocati. Ebbene, questa casta di uomini sono i magistrati, ma per fortuna noi siamo tutelati dal nostro esimio premier, che a lungo ha combattuto contro i malvagi signori dei Sith, e tuttora li combatte. Il cavaliere mascarato, davanti l’europa tutta ha dichiarato che i magistrati italiani vogliono sovvertire la repubblica.. Ora, con tutto il rispetto che si deve a una persona di 72 anni, ma non è che nonno Silvio si sta un po’ rincoglionendo, come è normale che sia x tutti i nonni? Tutti i nonni sparano qualche boiata qui e là, ci si ride sopra, e passa tutto.. Ma le boiate dette da mio nonno non mettono in ridicolo l’Italia davanti al mondo!! Inizio a capire grazie a nonno Silvio perché l’età di pensionamento sia 65 anni.. Lui però non può andare in pensione, deve continuare a combattere contro i malvagi, e chissà che non riesca anche stavolta a batterli, e a scansare l’ “assurda” accusa di corruzione che adesso grava su di lui, dopo aver vinto i precedenti scontri (memorabile quello di SME, località di andatevelappijànder). Insomma, attenti ai nuovi rivoluzionari, potrebbero portare la giustizia..

Annunci